Corsi di Laurea Magistrale

Architettura - Architettura delle Costruzioni

Sede
Milano Leonardo

Scuola
Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni

Lingua di erogazione
Italiano e Inglese

Durata del corso
2 anni

Ammissione
Ammissione su valutazione di carriera in base ai criteri definiti dal Regolamento Didattico

Obiettivi formativi
Il corso di laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni ha come obiettivo la formazione di un architetto che, sulla base di una conoscenza professionale avanzata, sia in grado di rispondere adeguatamente, anche in modo innovativo, alla complessità dei problemi connessi alla Progettazione e alla Costruzione dell'Architettura di grandi opere e di costruzioni complesse, e all'assolvimento dei compiti e responsabilità professionali richiesti oggi in tale ambito.
Per ottenere ciò è fondamentale far cooperare la migliore tradizione critica e progettuale della scuola di Architettura di Milano con la tradizione scientifica e tecnica della scuola di Ingegneria del Politecnico. La formazione è precipuamente volta a intendere la capacità della Costruzione di essere espressiva delle ragioni per cui è costruita, con un dichiarato intento rifondativo della progettazione strutturale.

La professione richiede oggi che si ponga al centro del progetto l'edificio "come sistema", la cui gestione vede l'architetto come attore principale. La capacità di svolgere consapevolmente questo ruolo nella sua complessità è, in sintesi, lo scopo che il Corso di Studio persegue. In altre parole, il Corso di Studio si pone l'obiettivo di educare alla realizzazione e al recupero di opere complesse in sintonia con l'ambiente nel quale si collocano, sviluppate secondo canoni di sostenibilità ambientale, rispondenti a requisiti di funzionalità, benessere, fruizione e d'uso, nonché adeguatamente robuste nel loro normale esercizio e nei riguardi di eventi naturali severi.
A tale scopo il processo formativo richiede un'impostazione interdisciplinare, pertanto esso viene articolato attorno a Laboratorio di Progettazione multidisciplinari senza suddivisioni di competenze, dove l'operato disciplinare fa sì che le regole della tecnica e le possibilità dei materiali siano colti come tracce di un percorso unitario che consente al progetto di architettura di esprimersi in modo solido, sostenibile e durevole.

Ulteriori informazioni:
- Insegnamenti del piano di studi
- Regolamento didattico del corso di laurea magistrale

Sbocchi professionali
La recente normativa (secondo il DPR 328/2001) ha ampliato le figure che fanno parte dell'Ordine degli Architetti comprendendo oltre agli architetti anche i paesaggisti, i pianificatori ed i conservatori.
La legge, inoltre, ha distinto l'Albo in due sezioni, denominate A e B, la sezione A riservata alle LM e la sezione B riservata alle L (solo in architettura e pianificazione).
Agli iscritti nella sezione A dell'Albo professionale degli Architetti spetta il titolo di Architetto.
Per l'iscrizione agli Albi professionali in qualità di Architetto è previsto dall'ordinamento il superamento di un Esame di Stato da svolgersi al termine degli studi dopo il conseguimento della Laurea magistrale.
L'Esame di Stato prevede una prova pratica consistente in un progetto da delineare in una giornata, due prove scritte ed una prova orale. La Commissione è presieduta da un professore universitario di nomina ministeriale ed è formata da professionisti, funzionari pubblici e professori universitari indicati dagli ordini professionali e scelti dal Ministero.
È allo studio la possibilità, per entrambe le sezioni A e B dell'Albo degli Architetti, di sostituire la prova pratica di tale esame con periodi certificati di tirocinio professionale da svolgersi anche durante il corso degli studi, qualora lo studente abbia superato tutti gli esami.
I laureati magistrali iscritti all’Albo degli Architetti potranno svolgere tutte le attività relative alla libera professione di architetto; inoltre potranno svolgere funzioni di elevata responsabilità in istituzioni ed enti pubblici e privati (enti istituzionali, enti e aziende pubbliche e private, studi professionali e società di progettazione), operanti nei campi della costruzione, trasformazione e recupero della città e del territorio. Dato l'orientamento del Corso, i laureati hanno una preparazione particolarmente adatta alla progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva di manufatti architettonici complessi e di grande dimensione, e al progetto di conservazione e riuso di edifici esistenti, con particolari competenze nel campo del consolidamento e del restauro anche in zona sismica.