Corsi di Laurea

Ingegneria Meccanica

Sedi
Milano Bovisa
- Piacenza

Scuola
Ingegneria Industriale e dell'Informazione

Lingua di erogazione
Italiano

Durata del corso
3 anni

Ammissione
Test di Ingegneria

Obiettivi formativi
Il corso di laurea in Ingegneria Meccanica forma ingegneri in grado di svolgere mansioni notevolmente diversificate: dalla progettazione alla produzione e alla gestione di prodotti, processi tecnologici ed impianti industriali. L'offerta didattica è finalizzata a conseguire, particolarmente nei primi anni, una solida preparazione tecnica e scientifica di base, su cui si innestano competenze economiche ed applicative. Questa preparazione si completa, nel terzo anno della laurea (nei percorsi propedeutico e professionali) e nella laurea magistrale, con l'approfondimento di conoscenze specialistiche necessarie per lo svolgimento dell'attività professionale.

Il corso è erogato nelle sedi di Milano Bovisa e di Piacenza. Nel primo anno la preparazione verte sulle discipline propedeutiche e di base, mentre nel secondo anno si consegue una formazione più propriamente ingegneristica nei settori cardine della meccanica. Per il primo ed il secondo anno, presso le sedi di Milano Bovisa e di Piacenza il piano di studi è "non differenziato" in quanto gli insegnamenti sono comuni su entrambe le sedi. Al terzo anno lo studente può scegliere tra diversi piani di studio preventivamente approvati (PSPA): uno "propedeutico" alla laurea magistrale ed altri di tipo "professionalizzante", che preparano all'ingresso nel mondo del lavoro ed in cui è presente anche un tirocinio formativo obbligatorio da svolgere in azienda.

Piani di studio del terzo anno:
Propedeutico
(Milano Bovisa e Piacenza): prevede insegnamenti con contenuti di base utili per il successivo percorso di laurea magistrale;
Motori e Turbomacchine
(Milano Bovisa): si concentra sui principi che regolano il funzionamento dei motori a combustione interna e delle turbomacchine;
Impiantistica Industriale
(Milano Bovisa): indirizzato alla progettazione e alla gestione delle prestazioni degli impianti di produzione e dei servizi di stabilimento;
Processi Tecnologici
(Milano Bovisa): mira a formare tecnici di produzione in grado di operare con i processi tecnologici utilizzati dalle aziende manifatturiere;
Progettazione
(Milano Bovisa): intende preparare un tecnico che abbia acquisito gli strumenti per essere già operativo nel campo della progettazione dei componenti e dei sistemi meccanici;
Veicoli
(Milano Bovisa): prepara tecnici in grado di risolvere i problemi meccanici connessi alla progettazione e alla manutenzione di veicoli stradali e veicoli su rotaia;
Macchine e Impianti di Produzione
(Piacenza): fornisce una preparazione a largo spettro, sia nel contesto della produzione industriale, sia in studi professionali, società d'ingegneria ed aziende di servizi.

Ulteriori informazioni:
- Insegnamenti del piano di studi del corso di Milano
- Insegnamenti del piano di studi del corso di Piacenza

- Regolamento didattico del corso di laurea di Milano
- Regolamento didattico del corso di laurea di Piacenza

Sbocchi professionali
Nella progettazione del corso di laurea in Ingegneria Meccanica è stata dedicata grande attenzione alla preparazione tecnica in tutti gli ambiti della meccanica che consentono un rapido adattamento alle più diverse esigenze professionali. Il laureato in Ingegneria Meccanica è in grado di condurre la progettazione esecutiva di prodotto e di processo, lo sviluppo di prodotti, l'installazione e il collaudo di macchine e di sistemi complessi, la manutenzione e la gestione di reparti produttivi, nonché lo svolgimento di attività di controllo, verifica ed assistenza tecnica. Il laureato svolge queste tipiche mansioni non solo nell'ambito delle industrie meccaniche, ma spesso anche nel settore più vasto dell'ingegneria industriale, delle società di servizi e degli enti pubblici. I laureati in Ingegneria Meccanica, previo superamento dell'Esame di Stato, possono iscriversi all'Albo dell'Ordine degli Ingegneri (sezione B).

Formazione successiva
Previa valutazione del curriculum formativo, il laureato può proseguire gli studi in settori affini all'Ingegneria Meccanica. Sempre con ammissione subordinata ad una valutazione, il laureato può orientarsi verso altri corsi di laurea magistrale o Master di 1° livello.