Cerca nel sito

Menù di navigazione

Design del Prodotto Industriale

Sedi: Milano Bovisa

Scuola del Design

Lingua di erogazione: Italiano

Obiettivi formativi
Progettare un prodotto (un bene di consumo, uno strumento, un bene durevole, un’automobile o un elemento d’arredo) significa concepire e articolare tutte quelle caratteristiche funzionali, fisiche, tecniche, estetico-formali e comunicative che ne determinano gli aspetti qualitativi in relazione all’uso e alle  possibilità tecnologiche e produttive. Il design di prodotto sottende l’apprendimento di saperi e di tecniche che consentono di ideare e sviluppare con creatività prodotti innovativi pensati per le persone e rispondenti alle esigenze delle imprese che ne realizzano la produzione.
Il corso fornisce una solida formazione di base nell’ambito delle discipline del progetto, sia a livello teorico che operativo. In particolare, al termine del percorso formativo gli studenti conosceranno: il nucleo metodologico fondante per operare con competenza in tutte le fasi esecutive del progetto di prodotti industriali; le discipline storico-critiche relative alla cultura del progetto e all’evoluzione dei prodotti; le discipline umanistiche per l’interpretazione dei contesti sociali e culturali nei quali vengono immessi i prodotti progettati: dalla semiotica all’estetica, dalla psicologia alla sociologia; gli strumenti e le tecniche relativi alla rappresentazione morfologica, materica e funzionale del prodotto: dal disegno manuale al disegno tecnico e alla rappresentazione digitale, dalla fotografia alla produzione tridimensionale di modelli di studio e di prototipi del prodotto; le tecniche di produzione delle immagini digitali, di interpretazione dei linguaggi visivi, di conoscenza dei meccanismi percettivi; le competenze scientifiche e tecnologiche relative ai materiali, alle loro caratteristiche chimico- fisiche, prestazionali, strutturali e funzionali, alle relative tecnologie di trasformazione, ai processi industriali di lavorazione, ai vincoli di produzione; gli aspetti di cultura economica relativi ai contesti aziendali e ai mercati, unitamente all’analisi di fattibilità economica dei prodotti e agli elementi che definiscono la coerenza d’impresa nei processi di innovazione guidata dal design.

Sbocchi professionali
La laurea in Design del Prodotto prepara figure di tecnico del progetto in grado di svolgere la funzione di supporto a tutte le attività tecniche e progettuali che, dalla fase di ideazione, conducono alla fase di produzione e distribuzione del prodotto sul mercato. Il laureato in uscita trova ampie possibilità nell’ambito di tutte le attività professionali e aziendali operanti nel campo del design e nella progettazione intesa in senso allargato. In particolare, potrà trovare occupazione in studi professionali o aziende in qualità di collaboratore professionale, assistente di progetto, assistente tecnico di modellazione fisica e/o virtuale del prodotto. Il laureato in Design del Prodotto Industriale trova impiego nei seguenti comparti: Produzione (Tecnico per la progettazione di prodotti industriali; Tecnico assistente per lo sviluppo di prodotto fisico e virtuale); Progettazione (Disegnatore progettista tecnico; Disegnatore progettista CAD; Assistente nella ricerca di materiali e componenti tecnici; Assistente di progetto nello sviluppo di soluzioni concettuali; Assistente di progetto nella progettazione esecutiva); Commerciale/Distribuzione (Visual merchandiser; Assistant Store Manager); Comunicazione (Tecnico progettista di allestimenti fieristici; Assistente fotografia; Tecnico grafico di prodotto).

Durata del corso: 3 anni

Insegnamenti del piano di studi

Regolamento didattico del corso di laurea

Formazione successiva
Previa valutazione del curriculum formativo, il laureato in Design del Prodotto Industriale può proseguire gli studi in corsi di larurea magistrale quali Design del Prodotto per l’Innovazione (Product Design for Innovation), Design&Engineering, Product Service System Design, Design Navale e Nautico (Vessel & Yacth Design). Sempre con ammissione subordinata alla valutazione del curriculum di studi, il laureato può orientarsi verso altri corsi di laurea magistrale o Master di 1° livello.

Menù principale

Sottopagine di questa sezione