Cerca nel sito

Menù di navigazione

Ingegneria della Prevenzione e Sicurezza nell’Industria di Processo

Sede: Milano Leonardo

Scuola di Ingegneria Industriale e dell'Informazione

Lingua di erogazione: Italiano

Obiettivi formativi
La richiesta di sempre maggiore sicurezza in tutte le attività umane è una caratteristica peculiare di tutti i paesi ad elevato livello di sviluppo economico e tecnologico. Affinché la gestione della sicurezza sia efficace, occorre privilegiare l'approccio preventivo. A tal fine sono state messe a punto sofisticate e specifiche tecniche di diagnostica precoce dei guasti, metodologie per la valutazione dell'affidabilità, disponibilità e manutenibilità di sistemi, metodi di stima delle conseguenze di incidenti, diventati essenziali per il progetto e la gestione operativa dei moderni componenti, sistemi e impianti ingegneristici.
In questo panorama, il progetto formativo proposto si rivolge a laureati in Ingegneria/Scienza e si pone come obiettivo l'approfondimento delle problematiche, e delle relative metodiche, riguardanti la sicurezza dei sistemi di produzione, tenendo conto anche delle ricadute territoriali e ambientali connesse all'esercizio degli impianti.
Il corso di laurea magistrale in Ingegneria della Prevenzione e della Sicurezza nell'Industria di Processo si propone di formare figure professionali dotate delle competenze tecniche, organizzative, gestionali, relazionali e giuridico-amministrative adatte allo svolgimento delle seguenti funzioni:

  • identificare i pericoli, quantificare e minimizzare i rischi, e predisporre le necessarie misure diagnostiche, preventive, protettive e manutentive
  • interagire con altri esperti e con la pubblica amministrazione al fine di rendere il più possibile compatibili gli impianti con altre funzioni urbane e territoriali.

Il corso prevede l'erogazione di alcuni insegnamenti in lingua inglese.

Sbocchi professionali
I laureati in Ingegneria della Prevenzione e della Sicurezza nell'Industria di Processo trovano collocazione presso le unità produttive, gli enti che si occupano di protezione civile e le società di consulenza. I principali compiti riguardano la pianificazione ed il coordinamento della sicurezza, sia in fase progettuale che operativa, la stesura di rapporti di sicurezza per le aziende a rischio di incidente rilevante, il servizio di prevenzione e protezione, la progettazione e gestione dei piani di manutenzione. Altri settori di proficuo impiego dei nuovi ingegneri della sicurezza possono derivare dall'inserimento presso gli organismi cui sono istituzionalmente affidati compiti di vigilanza e il cui potenziamento è esigenza sentita e più volte ribadita in sedi autorevoli.
Previo superamento dell'Esame di Stato, i laureati possono iscriversi all'Albo dell'Ordine degli Ingegneri, con il titolo di Ingegnere.

Durata del corso: 2 anni

Insegnamenti del piano di studi

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale

Menù principale

Sottopagine di questa sezione