Cerca nel sito

Menù di navigazione

Ingegneria Energetica

Sede: Milano Bovisa - Piacenza

Scuola di Ingegneria Industriale e dell'Informazione

Lingua di erogazione: Italiano e Inglese

Obiettivi formativi
L'Ingegneria Energetica è il settore dell'ingegneria che si occupa della progettazione e della gestione degli impianti energetici e dei loro componenti, in modo da garantire il migliore impiego delle risorse disponibili con il minimo impatto sull'ambiente. Il tema dell'energia ha assunto un'importanza fondamentale per lo sviluppo sostenibile dell'umanità e deve pertanto occupare un ruolo di rilievo nella cultura tecnica e ingegneristica. Alle risorse energetiche convenzionali, si sono recentemente affiancate le fonti di energia rinnovabili e le tecnologie innovative a minimo impatto ambientale, il cui sviluppo richiede un'adeguata disponibilità di tecnici preparati. Nella laurea magistrale occorre quindi completare e integrare la conoscenza tecnica maturata nei percorsi di primo livello (con una solida preparazione nelle materie di base e nelle discipline ingegneristiche dell'ingegneria industriale e in particolare della termodinamica applicata, delle macchine e dei sistemi energetici) con ulteriori e più approfondite nozioni generali, ma soprattutto con un approccio più mirato alle applicazioni più complesse e avanzate e alla ricerca e sviluppo. E’ quindi necessario sviluppare tematiche specifiche (alcuni esempi: le tecniche di abbattimento degli inquinanti da combustione e della mitigazione dell'effetto serra, i cicli termodinamici avanzati per la conversione dell'energia, le metodologie progettuali più sofisticate per la climatizzazione e per il benessere ambientale, la soluzione di problemi progettuali complessi relativi ai dispositivi di scambio di calore e di massa e alle macchine termiche), per le quali sono necessari sia approfondimenti metodologicamente più rigorosi delle scienze basate sulla termodinamica, che una ampia apertura a temi inter-disciplinari connessi, quali i sistemi elettrici, l'ingegneria chimica, le metodologie gestionali ed economiche e altri. Pertanto, il corso di laurea magistrale in Ingegneria Energetica vuole preparare tecnici in grado di utilizzare con versatilità e competenza le principali tecnologie relative alla produzione e all'impiego dell'energia, capaci di seguire attivamente gli avanzamenti tecnologici e di operare efficacemente in un contesto industriale competitivo e caratterizzato da notevoli problematiche di carattere ambientale, normativo e di sicurezza.
Il corso di laurea magistrale in Ingegneria Energetica eroga sia programmi erogati in italiano che programmi erogati totalmente in lingua inglese.
In particolare, il programma “Power Production – Produzione di potenza” è erogato in entrambe le lingue; il programma “Termotecnica” è erogato solo in italiano; i programmi “Oil and Gas Engineering”, “Energy for Development” e “Renewables and Environmental Sustainability” sono erogati solo in inglese. Quest’ultimo orientamento (guarda il video di approfondimento) è offerto presso il Campus di Piacenza e mira a dare una visione complessiva delle varie tematiche tecniche connesse all’energia e all’ambiente.

Sbocchi professionali
Il laureato magistrale in Ingegneria energetica è un tecnico con preparazione di elevato livello in grado di affrontare tutte le tematiche, anche quelle più innovative, per la progettazione e l'esercizio di impianti per la produzione, distribuzione e utilizzo dell'energia, di impianti di riscaldamento e condizionamento, dei loro componenti e dei sistemi termotecnici civili e industriali. E' inoltre in grado di svolgere il ruolo di responsabile dell'energia nelle aziende ed enti in cui è richiesto tale ruolo. I possibili sbocchi professionali per l'Ingegnere con laurea magistrale sono: nel settore della gestione  dell'energia, nell'industria e in aziende ed enti pubblici territoriali fornitori del servizio energia; negli enti pubblici o negli organismi internazionali dove è richiesto il ruolo di tecnici specialisti dell’energia; nell'attività di progettazione, collaudo, esercizio e manutenzione di impianti energetici; nelle industrie energetiche operanti nei settori termoelettrico, idroelettrico, motoristico, petrolifero e del gas naturale, a livello di produzione o di distribuzione. Ai laureati magistrali sono riservate le attività di ricerca e sviluppo, nonché quelle relative alle fasi di studio e di progetto delle applicazioni più specialistiche e di maggior impegno (grandi impianti, processi innovativi, sviluppo di macchine e componenti tecnologicamente avanzati). La preparazione più ampia e flessibile fornita dal corso di laurea magistrale, inoltre, fa sì che si aprano possibilità di lavoro in ambiti intersettoriali che coinvolgono il settore energetico.
Previo superamento dell'Esame di Stato, i laureati magistrali in Ingegneria Energetica possono iscriversi all'Albo dell'Ordine degli Ingegneri, con il titolo di Ingegnere.

Durata del corso: 2 anni

Insegnamenti del piano di studi

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale

Menù principale

Sottopagine di questa sezione